256-Una rivoluzione verso l'alto

Ho già in mente una relazione tra due, di cui una delle parti gira in un nodo a capo del tronchetto. Ho infatti in testa i due chiodi storti di un rompi-capo cinese, annodati insieme e che sembrano, a torto, inseparabili.

Anche i miei elementi dovranno potersi separare, ma dovranno anche collaborare per rialzarsi.

È molto più complesso di due chiodi piegati perché devono incastrarsi nel tronco e trovare il loro ritmo, che diventa anche un gesto. Vorrei dare la priorità all'ampiezza e alla semplicità, aumentando lo spazio tra di loro per consentire la rotazione. Onde lunghe, non sciabordanti. Due fogli ondulati paralleli con, per permettere la giunta, come un'interruzione dove si introvertono i livelli degli strati : la mutazione che permette il progresso!

Ecco la bozza:

Quello che mi preoccupa all'inizio, è capire in quali direzioni penetrare nel tronco, sia per conformarmi alla forma che per rispettare il verso delle fibre del legno. Odio sentire il legno sgretolarsi. Il solco di taglio deve rimanere pulito. Definire le direzioni necessarie in luoghi diversi è un po 'come stabilire il tema della melodia per un musicista e questo tema deve essere impostato dall'inizio.

Se non ci fosse, durante tutto il lavoro, questa sensuale ricerca di armonia nella regolazione dei solchi della sgorbia, queste tangenti che sfiorano le curve e svuotano le cavità ... se non ci fosse questo calcolo costante dell' ampiezza dei rilievi, per stabilire fino a che punto gonfiarli senza proibire un passaggio, che fa sì che tutto si sviluppi in un godimento atteso ... se non fosse per tutto questo, allora sì !, il lavoro di separazione sarebbe insopportabile.

(La continuazione e la fine della scultura in un post futuro)

1 visualizzazione0 commenti

Post recenti

Mostra tutti